Superbonus110 e dintorni: giusto prorogare i bonus edilizi e a quali condizioni? Occhio ai controlli!

Superbonus110 e dintorni

Superbonus110 e dintorni: giusto prorogare i bonus edilizi e a quali condizioni? Occhio ai controlli!

In questi giorni, a seguito della diffusione dei contenuti del Documento Programmatico di Bilancio, si sta molto discutendo della possibile proroga dei bonus edilizi.

È in gioco in primo luogo il Superbonus 110%, sia per quanto attiene alla durata della proroga (sino al 2025?) sia per l’entità del contributo (il 70% dal 2024?) che, infine, per la tipologia di immobili ai quali riservarlo (solo i condominii o anche le case uni e plurifamiliari, casomai con un tetto di reddito?)

Ma la tematica riguarda anche le altre agevolazioni fiscali, e tra queste anche il Bonus Facciate, il bonus più giovane che, grazie al 90% di contributo, ha avuto, almeno sino alla introduzione delle semplificazioni per il Superbonus 110%, grande appeal.

Sono tutte agevolazioni che stanno procurando non solo la ripresa del settore delle costruzioni, ma anche una crescita del sistema economico complessivo, rispetto al quale il comparto dell’edilizia ha avuto sempre una funzione trainante.

D’altronde, come si diceva un tempo in Francia, “quand le batiment va, tout va”.

E, conti alla mano, le diverse associazioni di categoria hanno dimostrato che il valore aggiunto, indotto dal Superbonus, compensa abbondantemente il disavanzo netto procurato dalla stessa misura.

Quest’ultima, in particolare, ha avuto un grande successo, con il numero di interventi arrivato, a tutto il 30 settembre secondo il report dell’ENEA, a 46.195 per un valore complessivo di 7,5 €/MLD.

A determinare questi notevoli risultati sono stati in particolare 2 elementi:

  • La cedibilità del contributo, che ha consentito a larghe fasce della popolazione, in particolare a quelle incapienti, di usufruirne;
  • La semplificazione introdotta dal DL 77/2021, che ha previsto delle deroghe alla disciplina (l’art.49 del T.U. Edilizia) che vietava l’applicazione delle agevolazioni agli immobili viziati da abusi.

Appare, quindi, del tutto fondata la posizione di chi, come Carlo Pagliai, sostiene che la proroga, qualunque essa sia, avrebbe poco senso se non fosse accompagnata dalla conferma della possibilità di cedere il credito.

E questa richiesta viene, giustamente, estesa anche agli altri bonus edilizi che, il più delle volte, riguardano interventi complementari a quelli di efficientamento energetico o di riduzione del rischio sismico.

Come pure non ha senso limitare la disciplina derogatoria in tema di abusi al solo 110% e non agli altri interventi agevolati con misure diverse. Anzi si determina, sul punto, un’ingiustificabile disparità di trattamento.

Però, vi sono anche degli aspetti negativi.

Qualche settimana fa ho scritto che occorre evitare che il Superbonus e gli altri bonus edilizi si trasformino in un assalto alla diligenza.

Sta accadendo che alcuni operatori, più disinvolti, stiano abusando, approfittando dell’assenza di controlli e, soprattutto, della mancanza, che per talune misure è marchiana, di un sia pur minimo conflitto di interessi tra il committente e i fornitori.

In sostanza l’integrale (o quasi) accollo da parte dello Stato dell’onere economico, indurrebbe i proprietari immobiliari a dare campo libero alle pretese economiche di Imprese, fornitori e professionisti.

Alcuni giorni fa striscia la notizia con le Iene ha dedicato a questo tema un’inchiesta che dava conto dell’utilizzo “selvaggio” del Bonus Facciate.

Saranno senz’altro casi isolati.

Però rischiano di gettare un’ombra di discredito su tutto il meccanismo, rendendo problematico tanto l’allungamento dell’arco temporale di applicazione quanto la conferma della possibilità di cessione del credito fiscale.

Sarebbe auspicabile che le Associazioni di categoria, a partire dall’ ANCE, si dessero da fare per isolare i responsabili e sensibilizzare i propri aderenti sui rischi di una tale situazione.

Se vuoi rendere energeticamente efficiente e sismicamente sicuro un tuo immobile o un condominio da te amministrato, possiamo aiutarti a scoprire se puoi usufruire del Superbonus 110% o di altre agevolazioni. Chiedi la nostra consulenza gratuita qui!

Sviluppo residenziale a Poggioreale (Napoli)
Sviluppo residenziale a Poggioreale (Napoli)

Prenota la Consulenza
E’ GRATUITA

 

IMMOBILI ALTERNATIVI
Via S. Carpoforo 9 –  20121 Milano
Via Scipione Capece 10/H – 80122 Napoli

Copyright © Immobili Alternativi 2021 – P.IVA 04741801213

Privacy Policy    –  Cookie Policy

https://www.immobilialternativi.com/superbonus110-e-dintorni-giusto-prorogare-i-bonus-edilizi-e-a-quali-condizioni-occhio-ai-controlli/27/10/2021/green-building-4/#main
Alberto Pinto
Fondatore di Immobili Alternativi
Prenota La Consulenza Gratuita

 È una grande opportunità. Non sprecarla!