2021, un buon anno per il CRE in Italia, ottimo in Europa

2021, un buon anno

2021, un buon anno per il CRE in Italia, ottimo in Europa

Sono le conclusioni che si possono trarre dai report che CBRE dedica agli investimenti in commercial real estate, effettuati nel nostro Paese e nell’intero continente europeo, nell’anno appena concluso.

In Italia la Logistica ha fatto segnare un andamento record e ha scalzato gli Uffici dal ruolo di asset class regina che in passato ha tradizionalmente avuto.

Va segnalato anche il grande recupero della Hospitality, soprattutto nel settore Luxury e attraverso operazioni value add.

Infine, continua la forte accelerazione degli Alternative Assets: per chi vi ricomprende, insieme al comparto Healthcare, Centraline e Data Center, anche i 700 €/Mln del Residenziale e delle sue declinazioni nei format innovativi del Living, gli investimenti arrivano a 1,9 €/Mld: sono quasi il 20% del totale.

In termini più generali credo siano da evidenziare alcuni aspetti:

  • La distribuzione più equilibrata degli investimenti tra le diverse asset class;
  • Alcuni segnali che indicano, sia pure timidamente, un recupero di attrattività, rispetto agli ultimi anni, di Città e location secondarie e del Sud Italia;
  • Il ritorno degli investitori stranieri ai quali è stato nuovamente riferibile oltre il 70% del totale dei volumi di investimento;
  • La dimensione, tuttavia, sempre limitata del mercato italiano rispetto a quello europeo: il totale degli investimenti nel nostro Paese è stato pari a 10,3 €/Mld. In Europa i volumi di investimento hanno raggiunto quota 359 €/Mld.

Sotto questo ultimo riguardo, se rapportiamo il totale investito agli abitanti abbiamo uno scostamento di 1 a 3.

A che cosa è riferibile questa notevole distanza? Una delle ragioni principali è data dalla mancanza di prodotto.

Il nostro patrimonio immobiliare è in larga parte vetusto, se non degradato. La trasformazione della domanda sta conoscendo una decisa accelerazione, in dipendenza dell’emergenza pandemica e dell’affermarsi dei trend riferibili a sostenibilità e digitalizzazione.

Di conseguenza, per gli immobili all’obsolescenza fisica si sta aggiungendo quella funzionale, ovvero l’incapacità di rispondere adeguatamente ai nuovi bisogni.

Vi sono tutte le premesse perché si metta mano ad una vasta opera di rigenerazione del patrimonio immobiliare italiano.

Le risorse, con buona probabilità, ci saranno. Le condizioni per il loro ottenimento ci costringeranno a intraprendere, finalmente, le riforme necessarie ad avvicinare il nostro Paese agli standard di efficienza europei.

Occorre, però, anche uno sforzo di progettualità e di innovazione: ad esso non possono essere estranei i piccoli e medi proprietari

Se vuoi vendere o valorizzare un immobile di grande superficie in Città, noi ci occupiamo di quelli tra i 500 e i 5000 mq e applichiamo un metodo differente che consente di farlo al meglio. Chiedi la nostra consulenza gratuita qui!

Sviluppo residenziale a Poggioreale (Napoli)
Sviluppo residenziale a Poggioreale (Napoli)

Prenota la Consulenza
E’ GRATUITA

 

IMMOBILI ALTERNATIVI
Via S. Carpoforo 9 –  20121 Milano
Via Scipione Capece 10/H – 80122 Napoli

Copyright © Immobili Alternativi 2021 – P.IVA 04741801213

Privacy Policy    –  Cookie Policy

https://www.immobilialternativi.com/2021-un-buon-anno-per-il-cre-in-italia-ottimo-in-europa/21/01/2022/cre-italia-2021/#main
Alberto Pinto
Fondatore di Immobili Alternativi
Prenota La Consulenza Gratuita

 È una grande opportunità. Non sprecarla!