Crowdfunding immobiliare: il ruolo degli HNWI nella promozione dello sviluppo immobiliare.

Crowdfunding immobiliare: il ruolo degli HNWI

Crowdfunding immobiliare: il ruolo degli HNWI nella promozione dello sviluppo immobiliare.

Ho già parlato altre volte del ruolo essenziale che il Crowdfunding immobiliare può avere nella promozione dello sviluppo immobiliare.

È un obiettivo assolutamente decisivo.

In Italia, infatti, uno dei limiti cronici del mercato del CRE è dato dalla mancanza di prodotto.

E questa carenza, alla luce della profonda trasformazione della domanda immobiliare e, quindi, dell’ampliamento della platea degli immobili inadeguati a rispondervi, si aggraverà.

Tra le ragioni alla base di questa situazione vi è anche la difficoltà di accedere al credito.

Ecco quindi che la possibilità di disporre di meccanismi di finanziamento aggiuntivi e innovativi è da salutare con grande favore.

Non è, pertanto, un caso che il crowdfunding stia avendo, anche nel settore immobiliare, una grande crescita.

Walliance, la piattaforma creata con grande successo da Giacomo e Gianluca Bertoldi, né è uno dei protagonisti più rilevanti: ad oggi, con 30 progetti immobiliari presentati, tutti finanziati con successo e una raccolta di oltre 43 €/Mln, di cui 8,62 rimborsati, detiene il 63% del mercato del real estate crowdfunding nel nostro Paese.

Da qualche tempo la Società ha puntato sugli HNWI, lanciando il servizio Première, dedicato agli investitori “affluent”, cioè con maggiori disponibilità monetarie.

Oggi questa strategia, come spiega Valentina Magri su Bebeez.it raccogliendo anche le dichiarazioni di Leonardo Grechi, prosegue con un’intesa di collaborazione con Banca Sella: l’obiettivo è quello di consentire alla clientela private dell’Istituto di Credito di accedere alle nuove opportunità offerte dal mercato.

È un’iniziativa molto interessante, idonea ad accelerare il processo di rigenerazione del patrimonio immobiliare italiano, sia in termini di riqualificazione edilizia che di adeguamento funzionale.

L’Italia, in particolare in questo momento di profonda trasformazione, ne ha assoluto bisogno e gli High Net Worth Individual possono dare un contributo importante: sono 1,5 milioni, detengono in totale 1150 €/mld, negli ultimi 2 anni la loro ricchezza è cresciuta del 5,2% e – cosa decisiva – sono alla ricerca di asset alternativi in grado di offrire rendimenti interessanti.

Inoltre, mentre in Europa gli HNWI destinano a questi investimenti circa il 10% del portafoglio complessivo, in Italia la quota è molto bassa: ci sono quindi significative opportunità di crescita.

Infine, in questa fase di cambiamento del modello di sviluppo, indirizzare il risparmio verso investimenti immobiliari innovativi può significare sia contribuire alla crescita sostenibile che offrire rendimenti interessanti e, entro certi limiti, indipendenti dal contesto economico generale.

A mio giudizio, un ulteriore step potrebbe consistere nello sperimentare l’operatività del crowdfunding non solo su progetti immobiliari già definiti, ma anche riguardo a fasi meno avanzate della catena del valore dello sviluppo immobiliare.

Se vuoi valorizzare e/o vendere un immobile di grande superficie in città scopri qual è la destinazione ideale e se il crowdfunding può essere d’aiuto agli investitori interessati. Chiedi qui la nostra consulenza gratuita.

Sviluppo residenziale a Poggioreale (Napoli)
Sviluppo residenziale a Poggioreale (Napoli)

Prenota la Consulenza
E’ GRATUITA

 

IMMOBILI ALTERNATIVI
Via S. Carpoforo 9 –  20121 Milano
Via Scipione Capece 10/H – 80122 Napoli

Copyright © Immobili Alternativi 2021 – P.IVA 04741801213

Privacy Policy    –  Cookie Policy

https://www.immobilialternativi.com/crowdfunding-immobiliare-il-ruolo-degli-hnwi-nella-promozione-dello-sviluppo-immobiliare/05/01/2022/crowdfunding-3/#main
Alberto Pinto
Fondatore di Immobili Alternativi
Prenota La Consulenza Gratuita

 È una grande opportunità. Non sprecarla!