Napoli: parte la valorizzazione del patrimonio immobiliare del Comune. Ce la faremo questa volta?

Napoli

Napoli: parte la valorizzazione del patrimonio immobiliare del Comune. Ce la faremo questa volta?

600 immobili da valorizzare per circa 30 €/Mln: formeranno la prima tranche che il Comune apporterà al Fondo Napoli, che verrà costituito in base al Piano di valorizzazione ed efficientamento sottoscritto con Invimit SGR, la Società del MEF. La seconda e la terza sono previste per settembre 2023 e aprile 2024.

Tra questi immobili dovrebbero esservi La Galleria Principe di Napoli, il deposito Anm di Posillipo e Palazzo Cavalcanti di via Toledo.

Come spiega Guglielmo Notari su Requadro, l’obiettivo è quello di mettere a reddito immobili di pregio di proprietà comunale, individuando soluzioni idonee a svilupparne le potenzialità inespresse: da un lato il Comune apporta gli immobili, dall’altro, come precisa il Sindaco, Gaetano Manfredi, gli imprenditori garantiscono la loro manutenzione ordinaria e straordinaria.

In sostanza, si tratta di mettere in piedi un’operazione che faccia da volano e sia in grado di far rientrare la Città partenopea in un circuito virtuoso, che possa renderla capace di attrarre investitori privati.

È un’occasione da non perdere. Però è anche vero che ne sono state perse molte in passato, troppe per non essere diffidenti.

Da troppo tempo Napoli vive in una situazione di abbandono, che l’ha progressivamente portata a precipitare in una spirale di degrado, morale ed economico.

Oggi, però, siamo in una fase storica di profondo ripensamento dello stile di vita e dei modelli di sviluppo: la sostenibilità, declinata compiutamente secondo i criteri ESG, è finalmente riconosciuta come un principio cardine nella ideazione e selezione degli investimenti, anche immobiliari.

Le emergenze di questi ultimi anni, prima quella sanitaria, ora quella bellica e sullo sfondo quella climatica, impongono un cambio di passo.

La necessità di immaginare uno sviluppo sostenibile, non solo in termini ambientali, ma anche di inclusione sociale, può costituire la spinta per riequilibrare il rapporto tra Centro e Periferie, tra aree avanzate del Paese e aree depresse e, quindi, anche tra Nord e il Mezzogiorno.

La concreta realizzazione di un programma di valorizzazione del patrimonio immobiliare comunale potrebbe essere solo un primo passo: esso potrebbe fare da detonatore per un piano più vasto che coinvolga anche gli edifici di proprietà privata.

Napoli può, anzi deve ritornare ad essere una capitale moderna ed attraente, capace di valorizzare le sue mille potenzialità.

Ce la faremo questa volta?

Se vuoi vendere o valorizzare un immobile di grande superficie, abbiamo creato un metodo nuovo e flessibile che si adatta alle caratteristiche degli immobili. Chiedi una consulenza gratuita qui!

 

 

Sviluppo residenziale a Poggioreale (Napoli)
Sviluppo residenziale a Poggioreale (Napoli)

Prenota la Consulenza
E’ GRATUITA

 

IMMOBILI ALTERNATIVI
Via S. Carpoforo 9 –  20121 Milano
Via Scipione Capece 10/H – 80122 Napoli

Copyright © Immobili Alternativi 2021 – P.IVA 04741801213

Privacy Policy    –  Cookie Policy

https://www.immobilialternativi.com/napoli-parte-la-valorizzazione-del-patrimonio-immobiliare-del-comune-ce-la-faremo-questa-volta/13/04/2022/napoli-4/#main
Alberto Pinto
Fondatore di Immobili Alternativi
Prenota La Consulenza Gratuita

 È una grande opportunità. Non sprecarla!